L’Unione Europea si schiera dalla parte del mare, è guerra contro la plastica monouso!


In arrivo nuove norme per i prodotti usa e getta in plastica, ritenuti la prima causa di inquinamento per oceani e mari. Al bando cotton fiocc, tazze per bevande, cannucce, posate e piatti di plastica. Questi sono solo alcuni dei prodotti responsabili di oltre l’85% dell’inquinamento ambientale che colpisce oceani e spiagge di tutto il mondo.
Dopo i divieti del 2015 per sacchetti di plastica continuano le iniziative Europee in una più ampia strategia su scala mondiale. Fa parte Infatti del pacchetto sull’economia circolareche è stato approvato pochi giorni fa a Bruxelles: l’obiettivo principale è infatti quello di rilanciare e rendere conveniente la ricerca scientifica di materiali sostitutivi alla plastica, soprattutto per uso industriale, in grado di ridurre la dipendenza e il relativo impatto ambientale.
Gli unici prodotti che si salveranno da queste norme saranno solo quelli di cui non possiamo fare a meno, esempi suggeriti sono assorbenti e salviette umidificate, al patto però che sulla confezione sia chiaramente visibile e spiegato il loro impatto sull’ambiente in modo che il consumatore possa farne un uso responsabile.
Entro il 2025: la lancetta è puntata verso il riciclaggio, dove il 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande dovrà essere raccolto anche attraverso sistemi di vuoto a rendere come abbiamo già visto in altri Stati.
fonte recycling point

Commenti

Post popolari in questo blog

Ecocet attiva all'interno della propria società di servizi per l'ambiente Ecocet Educa

Quanto pesano i tuoi rifiuti? partecipa con noi per costruire lo stato dell'arte della raccolta differenziata